skip to Main Content

Cerca le nostre FAQ per assistenza

SPAMfighter Exchange Module

Sì – è possibile reindirizzare lo spam ad una casella di posta precisa.

 

E’ possibile configuare SEM per reindirizzare lo spam ad un’altra casella di posta attraverso il Modulo di Amministrazione (Filtri -> Avanzate)

• La barra degli strumenti di SEM mostra “Nessuna connessione a SEM”

Nessuna connessione a SEM si visualizza se la barra degli strumenti di SEM non riesce a leggere le informazioni dal servizio di SPAMfighter.

Nella maggior parte dei casi ciò si verifica a causa di un noto bug in Microsoft Outlook 2003 / 2007 – quando è configurato per l’utilizzo della “modalità cache”

La preghiamo di eseguire il seguente procedimento:
1. Disattivare la modalità cache in Outlook
2. Chiudere e riaprire Outlook
3. Attivare la modilità cache
4. Chiudere e riaprire Outlook

Inoltre, si assicuri di possedere la versione più recente del service packs per Microsoft Outlook – verifichi qui.

(Nota: Eseguendo il Windows Update non aggiornerà necessariamente Microsoft Outlook)

Infine, si assicuri anche che l’utente stia continuando ad essere filtrato da SPAMfighter Exchange Module.

La barra degli strumenti di OWA

• Nessuna barra degli strumenti di SPAMfighter è visualizzata in OWA

Questo accade spesso perché alcuni file sono stati memorizzati localmente nel client browser del client.

1. Entrare in OWA
2. Fare un aggiornamento forzato tenendo premuto su CTRL mentre si clicca sul pulsante Aggiorna

Questo problema può verificarsi se un service pack è stato installato in Exchange dopo l’installazione della barra degli strumenti di SPAMfighter OWA.

1. Disinstallare la barra degli strumenti di OWA
2. Reinstallare la barra degli strumenti di OWA

Infine, si assicuri anche che l’utente stia continuando ad essere filtrato da SPAMfighter Exchange Module.

SEM 3.5.0.0 ha cambiato il modo in cui i domini della Whitelist sono creati – per prevenire lo spoofing delle email inviate nel proprio dominio. Se un’installazione esistente è stata aggiornata a SEM v3.5.0.0, allora si può aiutare a prevenire lo spoofing delle email rimuovendo i propri domini dal Dominio della White List nel SenderFilter – e garantendo che “Ignora email interne” sia spuntato. Se ha altre domande o le serve aiuto sul fare questo, SPAMfighter Support Department è sempre pronto ad aiutarla – scriva un’email a semsupport@spamfighter.com

No, assolutamente no!
La peggiore delle ipotesi è che l’installazione non vada a buon fine (cosa poco probabile!) e SEM mandi spam attraverso gli utenti. In altre parole, gli utenti ricevono lo spam che viene utilizzato per la ricezione. Per di più, SEM è molto semplice da disinstallare completamente, ma siamo convinti che non desirerete farlo una volta provato.
Si può tranquillamente installare la versione di prova gratuita e testarla quanto si desidera senza preoccuparsi di tempo e altre complicazioni.

Se un’email è stata classificata come spam, SEM sposta il messaggio in una cartella chiamata SPAMfighter nella casella di posta dell’utente. Se la cartella non esiste, essa sarà ricreata automaticamente. Il processo di spostamento è transitorio e sarà ripristinato, se esso non sarà portato a termine.

SEM invia i dettagli dell’installazione al momento della registrazione, le informazioni di login durante l’esecuzione e la segnalazione delle email sui valori hash quando le email vengono esaminate. SEM non invia mai le informazioni sensibili al network. Anche tutte le informazioni inviate e ricevute sono necessarie al fine di evitare manomissioni.

Sì, utilizzando l’interfaccia di amministrazione, è semplice disattivare il filtro spam di una singola casella email.

Se l’installazione di SEM non ha avuto esito positivo, non si sarà verificata l’interazione con l’Exchange Server e di conseguenza non c’è stato alcun riscontro nella configurazione.

Sì, può farlo. SEM lavora con il più comuni software Antivirus. Da quando SEM si è integrato nell’Exchange Server, ciò non ha nessun impatto sulla funzionalità di qualsiasi software Antivirus.

SEM, inoltre, si integra completamente con VIRUSfighter per Exchange – un prodotto per SEM.

Poiché SEM utilizza l’interfaccia dell’Exchange Server, le email non sono eliminate ma soltanto spostate. Se SEM dovesse fallire inaspettatamente durante le analisi, la trasformazione o il reindirizzamento di un elemento di posta, l’operazione tornerà indietro e il sistema rimarrà intatto.

SPAMfighter è un Microsoft Gold Certified Partner e SEM è certificato da VeriTest® per “Windows 2003”, “SQL Server 2005”, “Web services” e “.net connected”.

SEM supporta Microsoft Exchange Server 2000, 2003 e 2007.

Lo SPAMfighter Exchange Server Module si integra perfettamente con il Microsoft Exchange Server che rende la soluzione più veloce.

Appena arriva un’email e l’Exchange Server lo indirizza ai suoi destinatari, SEM fa una firma unica per ciascun messaggio e lo manda allo SPAMfighter Server per la valutazione. Se lo SPAMfighter Server decide che il messaggio è spam, lo comunica a SEM e la mail di spam viene spostata nella cartella dello spam dell’utente.

Lo SPAMfighter Exchange Server Module offre anche il modulo di segnalazione, in modo che gli amministratori posso rivedere le statistiche sul numero di messaggi filtrati da SEM, quanti utenti sono attivi e molto altro ancora.

Inoltre, SEM è semplice da utilizzare per gli end user poiché lo spam viene automaticamente spostato nella cartella dello spam. Mentre SEM semplifica l’amministrazione e non mantiene il software e la configurazione sul desktop del dipendente, provvede anche al controllo individuale per gli end user se l’amministratore decide di farlo.

Legga tutto su Microsoft .NET Framework qui.

Sì, è possibile. Si puà provare la versione completa di SEM gratuitamente per 30 giorni senza obblighi. Si può scaricare qui.

SEM le offre il massimo livello di riservatezza. La privacy della sua email e la sicurezza sono le nostre priorità. La sua email non viene mai trasmessa nel server o condivisa con nessuno – la sua email non lascerà mai il suo server. Soltanto pochi blocchi di dati criptati, codificati con MD5 (un modo di crittografia algoritmica chiamato anche checksum), e l’URL vengono inviati al server di SPAMfighter.

Se ha registrato la sua installazione precedentemente, deve saltare la registrazione. Se ,invece, non ci si è registrati prima, bisogna utilizzare un differente indirizzo email.

Può dare un’occhiata al nostro listino prezzi qui.

SEM è in grado di supportare tra i 5 e i 50.000 account di posta elettronica.

Risposta:

La causa piu probabile di questo integration problema e che mancano alcuni informazioni su alcuni system objects nella Active Directory.

1. Ferma SPAMfighter service (*)

2. Apri Exchange System Manager

3. Vai in Mailbox store

4. Clicca con tasto destro su Mailbox store, e clicca su “Dismount Store”

5. Aspetta 30 secondi

6. Clicca con tasto destro su Mailbox store, e clicca “Mount Store”

7. Avvia SPAMfighter service (*)

 * Usate Services consolle in Windows – o usate SPAMfighter Script Consolle

Sì, ci sono, date un’occhiata qui. (PDF document)

SEM crea un’unica irreversibile firma per ciascuna email e i suoi elementi, e invia le firme al server di SPAMfighter per l’elaborazione. Il server quindi restituisce un punteggio che determina se il messaggio è spam o no. Il messaggio originale di posta non lascia mai il server durante il filtraggio di SEM.

Risposta:

Probabilmente non funziona World Wide Web – o non funziona SPAMfighter service.

Lanciate per favore System Diagnostics tool per controllare se questi componenti funzionano come si intende.

 

SEM supporta Microsoft Windows Server 2000 e 2003 Small Business Server, Standard ed Enterprise.

SPAMfighter Exchange Module - Before Installing SEM

No, assolutamente no!
La peggiore delle ipotesi è che l’installazione non vada a buon fine (cosa poco probabile!) e SEM mandi spam attraverso gli utenti. In altre parole, gli utenti ricevono lo spam che viene utilizzato per la ricezione. Per di più, SEM è molto semplice da disinstallare completamente, ma siamo convinti che non desirerete farlo una volta provato.
Si può tranquillamente installare la versione di prova gratuita e testarla quanto si desidera senza preoccuparsi di tempo e altre complicazioni.

Se un’email è stata classificata come spam, SEM sposta il messaggio in una cartella chiamata SPAMfighter nella casella di posta dell’utente. Se la cartella non esiste, essa sarà ricreata automaticamente. Il processo di spostamento è transitorio e sarà ripristinato, se esso non sarà portato a termine.

SEM invia i dettagli dell’installazione al momento della registrazione, le informazioni di login durante l’esecuzione e la segnalazione delle email sui valori hash quando le email vengono esaminate. SEM non invia mai le informazioni sensibili al network. Anche tutte le informazioni inviate e ricevute sono necessarie al fine di evitare manomissioni.

Sì, utilizzando l’interfaccia di amministrazione, è semplice disattivare il filtro spam di una singola casella email.

Se l’installazione di SEM non ha avuto esito positivo, non si sarà verificata l’interazione con l’Exchange Server e di conseguenza non c’è stato alcun riscontro nella configurazione.

Sì, può farlo. SEM lavora con il più comuni software Antivirus. Da quando SEM si è integrato nell’Exchange Server, ciò non ha nessun impatto sulla funzionalità di qualsiasi software Antivirus.

SEM, inoltre, si integra completamente con VIRUSfighter per Exchange – un prodotto per SEM.

Poiché SEM utilizza l’interfaccia dell’Exchange Server, le email non sono eliminate ma soltanto spostate. Se SEM dovesse fallire inaspettatamente durante le analisi, la trasformazione o il reindirizzamento di un elemento di posta, l’operazione tornerà indietro e il sistema rimarrà intatto.

SPAMfighter è un Microsoft Gold Certified Partner e SEM è certificato da VeriTest® per “Windows 2003”, “SQL Server 2005”, “Web services” e “.net connected”.

SEM supporta Microsoft Exchange Server 2000, 2003 e 2007.

Lo SPAMfighter Exchange Server Module si integra perfettamente con il Microsoft Exchange Server che rende la soluzione più veloce.

Appena arriva un’email e l’Exchange Server lo indirizza ai suoi destinatari, SEM fa una firma unica per ciascun messaggio e lo manda allo SPAMfighter Server per la valutazione. Se lo SPAMfighter Server decide che il messaggio è spam, lo comunica a SEM e la mail di spam viene spostata nella cartella dello spam dell’utente.

Lo SPAMfighter Exchange Server Module offre anche il modulo di segnalazione, in modo che gli amministratori posso rivedere le statistiche sul numero di messaggi filtrati da SEM, quanti utenti sono attivi e molto altro ancora.

Inoltre, SEM è semplice da utilizzare per gli end user poiché lo spam viene automaticamente spostato nella cartella dello spam. Mentre SEM semplifica l’amministrazione e non mantiene il software e la configurazione sul desktop del dipendente, provvede anche al controllo individuale per gli end user se l’amministratore decide di farlo.

Sì, è possibile. Si puà provare la versione completa di SEM gratuitamente per 30 giorni senza obblighi. Si può scaricare qui.

SEM le offre il massimo livello di riservatezza. La privacy della sua email e la sicurezza sono le nostre priorità. La sua email non viene mai trasmessa nel server o condivisa con nessuno – la sua email non lascerà mai il suo server. Soltanto pochi blocchi di dati criptati, codificati con MD5 (un modo di crittografia algoritmica chiamato anche checksum), e l’URL vengono inviati al server di SPAMfighter.

Può dare un’occhiata al nostro listino prezzi qui.

SEM è in grado di supportare tra i 5 e i 50.000 account di posta elettronica.

Sì, ci sono, date un’occhiata qui. (PDF document)

SEM crea un’unica irreversibile firma per ciascuna email e i suoi elementi, e invia le firme al server di SPAMfighter per l’elaborazione. Il server quindi restituisce un punteggio che determina se il messaggio è spam o no. Il messaggio originale di posta non lascia mai il server durante il filtraggio di SEM.

SEM supporta Microsoft Windows Server 2000 e 2003 Small Business Server, Standard ed Enterprise.

SPAMfighter Exchange Module - Installing SEM

Legga tutto su Microsoft .NET Framework qui.

Se ha registrato la sua installazione precedentemente, deve saltare la registrazione. Se ,invece, non ci si è registrati prima, bisogna utilizzare un differente indirizzo email.

Risposta:

La causa piu probabile di questo integration problema e che mancano alcuni informazioni su alcuni system objects nella Active Directory.

1. Ferma SPAMfighter service (*)

2. Apri Exchange System Manager

3. Vai in Mailbox store

4. Clicca con tasto destro su Mailbox store, e clicca su “Dismount Store”

5. Aspetta 30 secondi

6. Clicca con tasto destro su Mailbox store, e clicca “Mount Store”

7. Avvia SPAMfighter service (*)

 * Usate Services consolle in Windows – o usate SPAMfighter Script Consolle

Risposta:

Probabilmente non funziona World Wide Web – o non funziona SPAMfighter service.

Lanciate per favore System Diagnostics tool per controllare se questi componenti funzionano come si intende.

 

SPAMfighter Exchange Module - Using SEM

Sì – è possibile reindirizzare lo spam ad una casella di posta precisa.

 

E’ possibile configuare SEM per reindirizzare lo spam ad un’altra casella di posta attraverso il Modulo di Amministrazione (Filtri -> Avanzate)

• La barra degli strumenti di SEM mostra “Nessuna connessione a SEM”

Nessuna connessione a SEM si visualizza se la barra degli strumenti di SEM non riesce a leggere le informazioni dal servizio di SPAMfighter.

Nella maggior parte dei casi ciò si verifica a causa di un noto bug in Microsoft Outlook 2003 / 2007 – quando è configurato per l’utilizzo della “modalità cache”

La preghiamo di eseguire il seguente procedimento:
1. Disattivare la modalità cache in Outlook
2. Chiudere e riaprire Outlook
3. Attivare la modilità cache
4. Chiudere e riaprire Outlook

Inoltre, si assicuri di possedere la versione più recente del service packs per Microsoft Outlook – verifichi qui.

(Nota: Eseguendo il Windows Update non aggiornerà necessariamente Microsoft Outlook)

Infine, si assicuri anche che l’utente stia continuando ad essere filtrato da SPAMfighter Exchange Module.

La barra degli strumenti di OWA

• Nessuna barra degli strumenti di SPAMfighter è visualizzata in OWA

Questo accade spesso perché alcuni file sono stati memorizzati localmente nel client browser del client.

1. Entrare in OWA
2. Fare un aggiornamento forzato tenendo premuto su CTRL mentre si clicca sul pulsante Aggiorna

Questo problema può verificarsi se un service pack è stato installato in Exchange dopo l’installazione della barra degli strumenti di SPAMfighter OWA.

1. Disinstallare la barra degli strumenti di OWA
2. Reinstallare la barra degli strumenti di OWA

Infine, si assicuri anche che l’utente stia continuando ad essere filtrato da SPAMfighter Exchange Module.

SEM 3.5.0.0 ha cambiato il modo in cui i domini della Whitelist sono creati – per prevenire lo spoofing delle email inviate nel proprio dominio. Se un’installazione esistente è stata aggiornata a SEM v3.5.0.0, allora si può aiutare a prevenire lo spoofing delle email rimuovendo i propri domini dal Dominio della White List nel SenderFilter – e garantendo che “Ignora email interne” sia spuntato. Se ha altre domande o le serve aiuto sul fare questo, SPAMfighter Support Department è sempre pronto ad aiutarla – scriva un’email a semsupport@spamfighter.com

Back To Top